I Democratici e la sinistra politica vogliono un’assistenza sanitaria gestita dal governo, sotto forma di copertura universale e / o pagatore unico.

facebook banner

I Democratici e la sinistra politica vogliono un’assistenza sanitaria gestita dal governo, sotto forma di copertura universale e / o pagatore unico.

Devo dar loro da mangiare. ODIO l’industria automobilistica affermata! Sono stato intrappolato all’interno di un piccolo numero di marchi culturalmente (e occasionalmente finanziariamente) falliti che hanno perso ogni interesse a combattere il pantano eccessivamente regolamentato che vincola. Continua a leggere … “,” Di Margaret Polaneczky, MD C’è una grande discussione in corso nella comunità di tecnologia sanitaria su un discorso controverso tenuto da Vinod Khosla all’Health Innovation Summit (HIS), in cui ha affermato che l’80% di ciò che i medici potrebbe essere sostituito da macchine. Se sei un dottore come me che non ha idea di chi diavolo sia Vinod Khosla (è un venture capitalist e co-fondatore di Sun Microsystems), perché sarebbe un oratore principale a un evento sanitario e cosa diavolo è il SUO , beh, questo è il punto di questo post. Vedete, ci sono un sacco di persone come Khosla là fuori – investitori, imprenditori, tipi tecnologici – che stanno tentando di ridefinire l’assistenza sanitaria in base alla propria visione personale. Dove vediamo un sistema sanitario in crisi, vedono opportunità – solo un altro problema con una soluzione tecnologica. Gli algoritmi computerizzati sono la risposta a diagnosi errate ed errori medici, le app per iPhone possono sostituire le visite mediche, la connettività video può aumentare l’accesso. Dove vediamo malattie e angosce, vedono un mercato. E ciò che gli uomini d’affari amano chiamare interruzione del mercato. Pensa a cosa è successo alla piccola città del centro degli Stati Uniti dopo l’apertura del primo centro commerciale. O cosa è successo alle case cinematografiche quando Netflix ha iniziato a offrire il noleggio di DVD online. O dove sono andate tutte le librerie indipendenti quando è stato aperto il primo Borders, e cosa è successo a Borders quando il Kindle è arrivato sul mercato.

Fuori il vecchio, dentro il nuovo. Se Khosla ha ragione, i docenti dei nostri uffici e ospedali sono i vecchi grandi magazzini del centro, le librerie e le attività commerciali di mattoni e malta in una rivoluzione online. Siamo sostituibili. Almeno la maggior parte di noi. Continua a leggere … “,” Di Maureen Bisognano e Charles Kenney Mentre la nazione si è concentrata sulla recente sentenza della Corte Suprema sull’Affordable Care Act, le innovazioni negli ospedali e nelle pratiche mediche lontane da Capitol Hill hanno innescato una trasformazione storica della nostra assistenza sanitaria sistema. Spinti da un mix di urgenza e visione, gli innovatori negli ospedali, nei gruppi di medici e nelle aziende stanno rifacendo l’assistenza sanitaria americana dimostrando che un’assistenza più efficace ed economica è realizzabile indipendentemente dai cambiamenti statutari a Washington.reduslim Queste organizzazioni stanno lavorando per raggiungere il Triplice Obiettivo: migliorare la salute della popolazione; migliorare l’esperienza di cura del paziente (inclusi qualità, accesso e affidabilità); e ridurre, o almeno controllare, il costo delle cure pro capite. Questo approccio, sviluppato dall’Institute for Healthcare Improvement, è una netta rottura con la tradizionale attenzione agli incontri singoli con i pazienti all’interno delle rigide mura dell’erogazione dell’assistenza sanitaria, che tipicamente affrontano solo i problemi più immediati. Continua a leggere … “,” Di David Dranove Nel 1932, il Comitato sul costo delle cure mediche ha identificato l’aumento dei costi medici come una minaccia per la sicurezza finanziaria di milioni di americani.

In una serie di studi che hanno creato il campo della ricerca sui servizi sanitari, il Comitato ha raccomandato diverse strategie per il contenimento dei costi che si leggono come un modello per gli sforzi di contenimento dei costi odierni: prevenzione, controllo dei prezzi, capitation, eliminazione di cure non necessarie e integrazione. Se suona come una sintesi dei miei due blog precedenti – tagliare i prezzi e tagliare le quantità – dovrebbe. Sappiamo da molto tempo che questi sono gli unici modi per tagliare la spesa. Eppure eccoci qui, 80 anni dopo, di fronte a una crisi di spesa che minaccia di abbattere l’intera economia. Nel corso della mia vita, siamo stati sottoposti a un costante ritmo di aumento delle spese mediche. Ci sono state tregua – per un paio d’anni dopo che Medicare ha introdotto i DRG e per circa cinque anni negli anni ’90 durante il periodo di massimo splendore degli HMO.

Sebbene i DRG e gli HMO abbiano spostato i costi verso il basso, non sembravano invertire le tendenze di crescita sottostanti, sebbene gli HMO non abbiano prosperato abbastanza a lungo per essere certi. Non per mancanza di tentativi, le spese mediche hanno continuato ad aumentare. Promuoviamo la prevenzione, regoliamo i prezzi, gestiamo i fornitori e ne esaminiamo l’utilizzo per eliminare le spese inutili. Abbiamo visto un’integrazione orizzontale che ha portato al potere di mercato e costi più elevati, e un’integrazione verticale che il più delle volte ha creato burocrazie ingestibili. La maggior parte delle proposte odierne per il contenimento dei costi può essere racchiusa in due parole: “Impegnati di più”. L’Affordable Care Act ci offre cure preventive gratuite, controlli dei prezzi più severi, ACO e Comparative Effectiveness Institute. Abbiamo bisogno di un cambiamento radicale, ma tutto ciò che otteniamo è un incrementalismo strisciante. Prenderò l’incrementalismo strisciante rispetto all’approccio del non fare del decennio precedente, se non altro perché potremmo usare un’altra tregua.

Ma l’ACA non è una soluzione permanente. Continua a leggere … “,” Di Blake Masters Qui alla THCB non possiamo davvero pensare a molte lezioni a cui preferiremmo partecipare al corso di Stanford sull’imprenditorialità di Peter Thiel. E non possiamo pensare a un ospite migliore da catturare del co-fondatore di Netscape Marc Andreeson. In questo discorso, Andreeson parla di come l’IT sanitario stia cambiando nell’era di Facebook e dei Big Data, della questione della privacy e di come il cloud possa o meno mangiare software. Il software sta mangiando il mondo? La tesi più famosa di Marc Andreessen è che il software sta mangiando il mondo. Certamente ci sono una serie di settori che sono già stati mangiati. Elenchi telefonici, giornalismo e intermediazioni contabili sono alcuni esempi. Probabilmente anche la musica è stata mangiata, ora che la distribuzione è andata in gran parte online. Gli operatori del settore non sempre lo vedono arrivare o lo ammettono quando arriva. Il New York Times ha dichiarato nel 2002 che Internet era finita e, a parte questa distrazione, potevamo tornare tutti a goderci i giornali. L’industria discografica ha esultato quando ha sconfitto Napster.

Quelle celebrazioni erano premature. Se è vero che il software sta divorando il mondo, la domanda ovvia è cos’altro sta ricevendo o verrà presto mangiato? Ci sono alcuni candidati interessanti. L’assistenza sanitaria ha molto da fare. Sono stati apportati notevoli miglioramenti alla tecnologia EMR, all’analisi sanitaria e alla trasparenza generale. Ma ci sono molte questioni normative e burocratiche da superare.

L’istruzione è un altro settore che il software potrebbe consumare. Le persone stanno provando tutti i modi per automatizzare e automatizzare i processi di apprendimento. Poi c’è il settore del lavoro, dove startup come Uber e Taskrabbit stanno aggirando i modelli tradizionali e regolamentati. Un altro settore promettente è il diritto. I computer potrebbero finire per sostituire molti servizi legali attualmente forniti dagli esseri umani. C’è un senso in cui le cose restano inefficienti perché le persone, stranamente, si fidano più degli avvocati che dei computer. È difficile dire quando questi settori verranno mangiati. Basti dire che le persone non dovrebbero scommettere contro i computer in questi ambiti.

Potrebbe non essere l’idea migliore essere il tipo di dottore o avvocato che la tecnologia potrebbe rendere obsoleta. Continua a leggere … “,” Di David Shaywitz, MD In un articolo appena pubblicato su TheAtlantic.com, discuto quella che vedo come la prossima grande ricerca nella scienza applicata: l’assemblaggio di un database sanitario unificato, un progetto di “big data” che raccoglierebbe in un archivio consultabile tutti i parametri che misurano o potrebbero riflettere il benessere umano. Non mi aspetto che le intuizioni ottenute da questi dati rendano obsoleti i medici, ma piuttosto conferiscono loro potere (così come i pazienti e altre parti interessate) e li migliorano, informando il loro giudizio clinico senza soppiantare la loro empatia. Discuto anche di quante aziende e ricercatori accademici stanno concentrando i loro sforzi su sottoinsiemi definiti della sfida dell’informazione, generalmente all’intersezione dei domini dei dati. Osservo che un’eccezione degna di nota sembra essere la grande farmaceutica, poiché molte grandi aziende farmaceutiche sembrano aver deciso che l’analisi dei big data è un servizio da esternalizzare, piuttosto che una competenza fondamentale da costruire. Chiedo quindi se si tratta di un giudizio esperto o di un profondo errore di calcolo e suggerisco che se avessi intenzione di creare il fornitore di soluzioni sanitarie del futuro, probabilmente la tua prima mossa sarebbe quella di reclutare un team di analisi all’avanguardia. La questione delle competenze chiave è più della semplice semantica: è forse la questione strategica più importante che le aziende biofarmaceutiche devono affrontare mentre scrutano in un futuro spaventoso e incerto. Continua a leggere… “,” Di Robert A. Berenson e Nicole Cafarella Una delle poche questioni di politica sanitaria che riceve sostegno bipartisan è la necessità di modificare drasticamente il modo in cui vengono pagati i fornitori, passando dal “pagamento per volume” al “pagamento per valore” alterare la traiettoria della spesa sanitaria migliorando la qualità dell’assistenza sanitaria. Per facilitare questo cambiamento, l’Affordable Care Act ha attrezzato i Centers for Medicare Servizi Medicaid con una gamma di strumenti per la riduzione dei costi e per il miglioramento della qualità, il più significativo dei quali potrebbe essere il suo nuovo Centro per Medicare e Medicaid Innovation. In questo post del blog, condividiamo le informazioni tratte da una recente ricerca finanziata dalla Robert Wood Johnson Foundation sul nuovo ruolo, organizzazione e criteri di selezione del modello dell’Innovation Center. Sulla base delle interviste con la leadership senior, è chiaro che l’organizzazione vede il proprio ruolo come duplice: integrare gli sforzi esistenti per innovare; e approfondire nuove idee. La maggior parte degli sforzi del Centro per l’innovazione fino ad oggi si è concentrata sulla prima – implementazione di dimostrazioni o idee su mandato del Congresso che il Congresso o gli esperti politici hanno già concepito (ad esempio, organizzazioni di assistenza responsabile).

Più recentemente, l’Innovation Center ha iniziato a cercare nuove idee da innovatori in tutto il paese e a promuovere l’innovazione dal basso, principalmente attraverso la sua Innovation Challenge. Continua a leggere … “” thehealthcareblog.com/blog/2012/03/26/ipab-and-medicare-costs-are-bad-medicine/optimized-eakin/“,”200”,”OK “,” Pubblicato il 26 marzo 2012 alle 240 × 327 in IPAB e i costi di Medicare sono una cattiva medicina ‹Ritorna al post Lascia un commento Annulla risposta Connect with: / ** / var _oneall = _oneall || []; _oneall.push ([‘social_login’, ‘set_providers’, [‘facebook’, ‘google’]]); _oneall.push ([‘social_login’, ‘set_callback_uri’, (window.location.href + ((window.location.href.split (‘?’) [1]? ”: ‘?’) + “” oa_social_login_source = Commenti””))]); _oneall.push ([“social_login”, “set_custom_css_uri”, “https://secure.oneallcdn.com/css/api/socialize/themes/wordpress/default.css”]); _oneall.push ([‘social_login’, ‘do_render_ui’, ‘oneall_social_login_providers_3273137’]); /**/ L’indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con * Commento Nome * Email * Sito web Salva il mio nome, email e sito web in questo browser per il prossimo commento. “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “” thehealthcareblog.com/blog/2017/03/23/a-healthcare-reform -compromettere-che-potrebbe-funzionare-forse / “,” 200 “,” OK “,” di BRIAN JOONDEPH, MD La riforma della sanità è bloccata, così dice Politifact. Notizie false o verità? Difficile da sapere in questi giorni. Il presidente Trump e il presidente Ryan sono entrambi sembrati ottimisti nelle recenti apparizioni pubbliche. Il tweeter-in-chief di questa settimana ha twittato: “Grandi progressi nel settore sanitario. Miglioramenti in corso – Repubblicani che si uniscono! ” Forse è così, ma ricorda che ogni rete di notizie televisive era ottimista sulla vittoria schiacciante di Hillary Clinton fino alle 21:00 della notte delle elezioni. L’entusiasmo di Trump fa parte di “The Art of the Deal”?

Per citare il libro: “Non mi affeziono mai troppo a un affare oa un approccio. Per i principianti, tengo molte palle in aria, perché la maggior parte degli accordi fallisce, non importa quanto promettenti sembrino all’inizio “. Il piano Ryan è solo una palla che galleggia nell’aria di Washington, DC? Se i repubblicani conservatori alla Camera e al Senato si ribellano, il piano di Ryan muore ignominiosamente. Qual è il prossimo? Che ne dici di un compromesso che potrebbe raccogliere il sostegno di tutte le fazioni in guerra? C’è un vecchio detto: “Il compromesso è dove nessuno ottiene ciò che vuole”. Ma il corollario è che ognuno ottiene qualcosa che gli piace dall’affare. Ci sono cinque fazioni in questa battaglia. I Democratici e la sinistra politica vogliono un’assistenza sanitaria gestita dal governo, sotto forma di copertura universale e / o pagatore unico. I repubblicani conservatori vogliono riforme del libero mercato senza il coinvolgimento del governo. Le istituzioni di entrambe le parti vogliono solo lo status quo, rallentando ogni cambiamento al punto che nulla cambia. La maggioranza degli americani crede che il governo federale dovrebbe assicurarsi che tutti abbiano una copertura sanitaria. Infine il presidente Trump ha un obiettivo di “assicurazione per tutti”. Come conciliare obiettivi così disparati? L’impostazione predefinita è Obamacare, che non funziona, è impopolare, lascia milioni senza assicurazione ed è in una spirale di morte finanziaria.

Niente cambia finché qualcosa non cambia. Come potrebbe essere un accordo di compromesso? In poche parole, Medicaid-for-all e un’industria assicurativa privata parallela guidata dal libero mercato, libera da interferenze governative. Prima di essere chiamato con nomi orribili nella sezione dei commenti dopo questo articolo, lascia che ti spieghi. Medicaid-for-all è una copertura catastrofica. Esattamente ciò da cui l’assicurazione è progettata. L’imprevisto e il costoso. L’incidente d’auto, non il cambio dell’olio o i nuovi tergicristalli. Ci saranno urla di protesta su ciò che è coperto e cosa no. La soluzione è seguire il modello Oregon Medicaid. “Classifica le condizioni di assistenza sanitaria e le coppie di trattamento in ordine di efficacia clinica e rapporto costi-benefici.” Cosa c’è in cima all’attuale elenco di priorità dell’Oregon? Maternità e cure neonatali, abuso di sostanze, sterilizzazione e depressione. In fondo, le condizioni “senza o con un trattamento minimamente efficace o nessun trattamento necessario”. Chi fa la classifica? Una commissione che utilizza la scienza basata sull’evidenza, un “processo pubblico trasparente” e “input da fornitori e membri del pubblico, compresi coloro che sono colpiti dalle condizioni”. Una volta classificato, viene tracciata una linea nell’elenco in base ai finanziamenti disponibili.

Sopra la linea coperta, sotto la linea no. La spesa sanitaria corrente negli Stati Uniti è di 3,2 trilioni di dollari all’anno, il che significa che molto potrebbe essere coperto. La lista dell’Oregon sarebbe la stessa di una lista nazionale? Dubbioso. Si potrebbe certamente discutere se avere un bambino o essere dipendenti da droghe siano condizioni catastrofiche che richiedono una copertura assicurativa rispetto a un incidente o un cancro, ma il processo per decidere ciò sarebbe in atto. Quelli con un interesse acquisito, sia come paziente che come fornitore, nella loro condizione di essere “coperti” non saranno felici di atterrare al di sotto della linea di demarcazione. Lascia che la classifica e la linea di demarcazione vengano riviste e modificate due volte all’anno. Fai in modo che la tua condizione debba essere coperta e forse sarà in una classifica futura. Questo dovrebbe soddisfare la sinistra politica in quanto fornisce il loro santo graal di copertura universale e rende discutibile la preoccupazione per le condizioni preesistenti.

Così come la maggioranza degli americani che, “una maggioranza dal 76% al 24% concorda anche sul fatto che, poiché la maggior parte degli altri paesi avanzati può permettersi di fornire un’assicurazione sanitaria universale, potrebbe farlo anche questo paese”. L’assistenza sanitaria come “diritto contro privilegio” è degna di dibattito, ma politicamente è un punto di partenza.

Event Date:

Event Location:

Ticket Buying Link: